Scopri il

regolamento

Open%20Work%20Space_edited.jpg

Il format didattico degli Y&E Project Work prevede che ogni team si organizzi come un vero e proprio laboratorio di idee e di genio collettivo sulla base di questa scansione temporale di massima:

A. Incontro e Co-progettazione percorso tra Imprenditore/Tutor Aziendale e Tutor Scolastico

1. definizione degli obiettivi formativi da raggiungere col project-work;
2. individuazione delle attività da svolgere con la relativa programmazione e scansione temporale;
3. eventuale condivisione di un modello per l’individuazione, l’acquisizione e la valutazione delle competenze di fine percorso)
4. definizione degli obblighi burocratico-normativi PCTO: stipula convenzione, condivisione progetti formativi ecc.)

B. Kick-off progetti (2 ore)

Ogni azienda ‘committente’ presenta ai/l propri/o team di genio collettivo il progetto su cui si lavorerà nei mesi a seguire e lancia la sfida su cui dovrà/anno cimentarsi definendo con esso/i gli obiettivi attesi.

C. Svolgimento attività team (dalle 20 alle 50 ore)

Il/I team – supportato/i dal Tutor Scolastico e con la supervisione di un Y&E Project Manager (che in alcuni casi potrà coincidere con il Tutor Azienda Committente) – sviluppa/no le proprie soluzioni. Sono previsti almeno 4 incontri di confronto sullo Stato Avanzamento Lavori con l’azienda e/o il Y&E Project Manager (di 2 ore circa ogni volta) per un confronto sull’evoluzione delle soluzioni ideate.

Elementi caratterizzanti i
progetti realizzati

Al fine di compiere un’esperienza davvero formativa e fortemente evocativa delle dinamiche caratterizzanti il mondo del lavoro ai team partecipanti verrà chiesto di mettere a punto un progetto che abbia questi elementi caratterizzanti:

- sostenibilità e semplicità di attuazione della soluzione ideata in termini di tempi e ‘costi’

- fattibilità e realizzabilità dell’azione (e relativo raggiungimento di obiettivi)

- tasso di innovazione dell’idea presentata (quindi saranno molto apprezzate idee nuove, con un alto grado di originalità ma sostenibili)

- capacità di generare valore (non solo economico)

- capacità di allargare la rete di soggetti attivi all’interno del project work

- efficacia comunicativa

Sul lato imprese partecipanti, invece, il percorso si coronerà a maggio 2022 con un focus group di confronto sull’esperienza avuta guidato da professionisti di comprovata esperienza nel campo. Esso sarà sì ludico e conviviale ma di alto valore formativo e vedrà presenti tutti i titolari ed i tutor aziendali coinvolti in Y&E Project: ci si formerà sul tema della valorizzazione dei talenti come leva di innovazione e sviluppo dell’impresa e su quello della centralità dei processi di socializzazione lavorativa fra senior e junior per la continuità, la crescita sostenibile ed il futuro di essa. In particolare, infine, l’azienda ‘madrina’ vincitrice avrà la possibilità di essere formata dallo Staff di Y&E Project su come trasformare in valore in termini di comunicazione, visibilità, ritorno d’immagine (awareness) la collaborazione realizzata ed il relativo risultato raggiunto.

Il valore aggiunto per la trasformazione digitale di scuola e impresa di Y&E Project

Da due anni a questa parte l’impatto della digitalizzazione su giovani e meno giovani è stato sempre più incisivo. Comunicazioni e meeting da remoto e a distanza, un uso sempre più disinvolto dell’e-commerce, ricorso a tecnologie cloud e digitalizzazione della gestione documentale… non si può pensare alla vita di tutti i giorni ormai senza pensare al digitale.

Esperti di digital transformation affermano che le regole per dare impulso a questo cambiamento sono:

 

1. incrementare l’intensità di talento

2. attivare task-force per la trasformazione digitale

3. costruire comunità di apprendimento interconnesse

 

Y&E Project si pone proprio questi tre obiettivi. Stimolando ed accompagnando studenti, docenti ed operatori economici partecipanti a questo tipo di mindset puntando sulle tecnologie digitali del cloud computing, col supporto del suo Staff, Y&E si configura come una autentica ‘palestra’ e ‘volàno’ in questo epocale processo di innovazione.

 

Semplificando infatti la comunicazione fra individui e rispondendo ai bisogni primari di un team sia che si lavori da remoto o nello stesso luogo fisico, il digitale amplifica il livello delle performancepermettendo di:

a) comunicare verso l’interno e verso l’esterno di un’organizzazione in modo agile e fluido (il potersi connettere con qualunque device da qualunque posto, purché ci sia la connessione dati – accesso “from everywhere” – , elemento che rende agile la collaborazione in varie sedi lontane tra loro oltre che la BUSINESS CONTINUITY, attività anche in caso di eventi che mettono a rischio la continuitàevitandone interruzioni);

b) collaborare, condividendo e aggiornando documenti in maniera veloce e sicura (CO-AUTHORING ossia la possibilità per più utenti di creare e aggiornare lo stesso documento contemporaneamente abbattendo i tempi di scambio e trasformando la mentalità dei soggetti in termini di team-building e thinking… dove tutto ciò introduce ad un concetto di netto aumento della produttività);

c) accedere rapidamente a documenti ed informazioni, in sicurezza, mantenendone la riservatezza (cloud storage, protetti da avanzati sistemi di rilevamento delle minacce)

 

Imprese e scuole partecipanti a Y&E Project, dunque, saranno accompagnati e supportati alla conoscenza ed all’utilizzo di infrastrutture moderne, interoperabili e sicure che garantiscano uno scambio di informazioni più efficace, rapido, efficiente e sicuro.

Offrendo il digitale, dunque, piattaforme di collaborazione che consentono di comunicare e collaborare internamente ed esternamente alla scuola ed all’azienda tramite video-call e chat, creare gruppi e organizzare il lavoro dei team di progetto, le attività progettuali potranno così avvenire anche o decisamente a distanza tramite collegamenti da remoto in videoconferenza o ricorrendo anche all’asincronicità (remote working) in un virtuoso modus operandi stabilito dagli attori in gioco attraverso una modalità di apprendimento smart e dinamica oggi sempre più importantesecondo una formalizzazione condivisa dei processi.

 

In altri termini obiettivo contestuale ma sfidante di questa esperienza, dunque, è quello di alimentare competenze e far sperimentare sempre più a quelle imprese che implementano anche tecnologie in azienda ma molto spesso stand-alone, senza vera integrazione ed interconnessione né con le altre in azienda né – a maggior ragione – coi partner esterni (e, pertanto, faticano ad attrarre talenti), il fascino ed il gusto dell’impiego delle nuove tecnologie digitali, favorendo un approccio proattivo al digitale che lo integra nel proprio business model in maniera strategica, generando efficienza dei processi, dunque crescita della produttività, secondo la traiettoria tracciata dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza).

 

Innovazione e digitalizzazione non sono la stessa cosa, ma non si può dimenticare che – oggi – la seconda ha un impatto a 360° su tutti gli ambiti di un business che voglia dirsi vincente: ‘come si può offrire un prodotto’, ‘che prodotto/servizio posso offrire’, ‘come posso parlare con il consumatore’.

 
Aspetti di
valore didattico di Y&E Project

Figura centrale per l’intero percorso di Youth & Experience Project è il Tutor Scolastico che:

1) co-progetta insieme al tutor dell’azienda committente e/o il Project Manager i dettagli del percorso e

2) ne supervisiona il corretto svolgimento,

3) coinvolgendo anche i docenti delle discipline pertinenti al raggiungimento degli obiettivi concordati

 

In questo senso tale partecipazione rappresenta per il docente tutor una modalità per acquisire nuovi e innovativi metodi d’insegnamento e per ampliare la propria rete di riferimento attraverso le numerose opportunità di scambio offerte durante il percorso con professionisti e con i referenti delle aziende coinvolte.

Per quanto riguarda invece gli studenti, il contenuto di realtà, la praticità e vicinanza alle sfide del mondo del lavoro di Y&E Project agevola, in pieno accordo con le Linee Guida ai Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento, lo sviluppo di ‘competenze chiave’ nonché “le soft skill, ovvero le competenze trasversali (…): capacità di interagire e lavorare con gli altri, capacità di risoluzione di problemi, creatività, pensiero critico, consapevolezza, resilienza e capacità di individuare le forme di orientamento e sostegno disponibili per affrontare la complessità e l’incertezza dei cambiamenti (…) autonomia, creatività, innovazione nel gestire il compito assegnato, capacità di risolvere i problemi (problem solving), comprensione della complessità dei vari linguaggi, comunicazione, organizzazione, imprenditorialità, capacità di lavorare e saper interagire in un gruppo (teamworking), flessibilità e adattabilità, precisione e resistenza allo stress” le quali attualmente si configurano come “quelle più richieste ai giovani in ambito lavorativo”.

La metodologia di apprendimento, che segue logiche esperienziali di learning by doing (imparare facendo), è in grado di appassionare e coinvolgere attivamente tutti i partecipanti contestualizzando la teoria attraverso la pratica: il Project Work rappresenta l’occasione per coloro che vi partecipano attivamente di verificare lo stato delle loro capacità organizzative, decisionali, relazionali, operative e di analisi di problemi reali tramite un metodo di lavoro “sul campo”.

 

Aderendo a Youth & Experience Project una scuola avrà la possibilità di:

• promuovere attraverso il processo di Project Work l’applicazione di metodologie didattiche innovative (anche A DISTANZA) con un’integrazione tra aspetti cognitivi ed applicativi di alto livello

• sviluppare una stretta collaborazione tra l’Istituzione scolastica, il sistema delle imprese e gli enti che operano nel territorio

• consentire agli allievi, grazie all’attivazione dei rapporti di tutoraggio tra scuola e impresa, di operare nella scuola facendo esperienza di dinamiche proprie del contesto aziendale

• promuovere l’acquisizione di competenze di auto-orientamento e soft skills

• orientare la progettazione delle attività didattiche e l’uso delle tecnologie di utilizzo contemporaneo anche in considerazione delle esigenze del contesto territoriale.

 

Youth & Experience Project raccoglie da un lato la disponibilità di realtà economiche emiliane a condividere progetti di ricerca e sviluppo e dall’altro professionisti volontari a donare alcune ore del proprio tempo e la propria esperienza per affiancare i partecipanti qualificando il livello d’esperienza PCTO per il team di studenti. Per l’azienda ‘committente’ il Tutor Aziendale viene individuato tra coloro che possiedono un’ampia esperienza lavorativa e una preparazione specialistica rispetto al contenuto del project work oltre a possedere buone capacità di relazione e comunicative.

 

La partecipazione a Youth & Experience Project invece rappresenta per le aziende l’opportunità di:

- rafforzare il legame con il territorio di riferimento, accrescendo visibilità, ritorno di immagine e responsabilità sociale dell’impresa;

- contribuire a ridurre il divario tra le competenze in uscita dal sistema educativo e le competenze richieste dal mondo del lavoro e della propria azienda in particolare;

- individuare e testare giovani risorse nella prospettiva di un successivo inserimento lavorativo consentendo, dunque, di risparmiare sia sui costi di ricerca e selezione del personale sia sui costi di formazione iniziale dei neo-assunti;

- valorizzare la capacità formativa dell’impresa stabilendo una vera e propria “alleanza educativa” con la scuola;

- rendersi protagoniste di un processo di innovazione della concezione stessa di apprendimento mostrando ai propri stakeholder apertura al cambiamento e al futuro;

- migliorare il clima aziendale e la motivazione dei dipendenti

 

Le attività progettuali di affiancamento, infine, potranno concretizzarsi a distanza tramite collegamenti da remoto in videoconferenza a seconda di come stabilito dagli attori in gioco attraverso una modalità di apprendimento smart e dinamica oggi sempre più diffusa.